SEGUI CHEF LIONEL BECCAT NEL SUO VIAGGIO CULINARIO A BORDO DELLA LEXUS LC CONVERTIBLE

La Lexus LC Convertible offre un'esperienza di guida unica ed esaltante che stimola i sensi. Forse era quindi inevitabile che Lionel Beccat, uno chef stellato Michelin che apprezza la connessione con la natura nella sua cucina, fosse immediatamente attratto dal modello. L'unione con la natura e l'entusiasmante esperienza di guida offerta dalla LC Cabrio stimolano tutti i sensi e forniscono a Lionel un'inaspettata fonte di ispirazione culinaria.

Nato in Corsica, Francia, ha sviluppato il suo talento aver studiato cucina francese sotto il maestro Michel Troisgros. Si è poi trasferito in Giappone, dove la sua filosofia verso la cucina è cambiata quando ha passato del tempo a riflettere sull'arte. Ciò che ha spinto al cambiamento è stata la natura e la serietà dei contadini-produttori che interagiscono con il paesaggio giapponese. "Ero abituato a cucinare per esprimere me stesso" spiega Lionel, "ma quando ho incontrato le incredibili meraviglie della natura giapponese e le persone che ne hanno raccolto i frutti, ho capito che dovrebbero essere gli ingredienti a essere espressi nel cibo, non lo chef." Ora crede che "è la mia missione e responsabilità come chef" di abbracciare e valorizzare questa connessione con la natura.

E così, per sperimentare direttamente la potenza della natura, la LC Convertible è stata la partner scelta. "Il design naturale e fluido la fa sembrare come se fosse nata esattamente così. Ciò che simboleggia è simile a ciò che cerco in un piatto," spiega Lionel, dando le sue prime impressioni sulla vettura. Lionel inizia il suo viaggio al volante della LC Convertible, un'auto che risuona della sua stessa filosofia.

Lionel, desideroso di scoprire il vero significato della sua cucina, torna alla prefettura di Oita, nel sud del Giappone, una regione che ha già visitato in passato. Questo è un luogo energizzato dalla forza della terra, incastonato com'è nel seno del monte Aso, uno dei vulcani più famosi del Giappone. È un luogo dove l'acqua è pura, le piante sono fresche, l'aria è pulita e la gente vive in armonia con la natura. Per Lionel, questo è un luogo speciale che una volta lo ha aiutato a connettersi con la natura e ha cambiato la sua visione della cucina.

"La gente dice che la mia cucina è unica perché possiedo punti di vista sia francesi che giapponesi, permettendomi di mostrare due lati diversi. Quindi, rivivere il Giappone attraverso questa spinta è fantastico per plasmare la mia mentalità e la mia filosofia come chef", dice.

Si mette alla guida e inizia il viaggio lungo la strada dell'altopiano. Con il tetto aperto può vivere direttamente l'aria di montagna; l'accelerazione costante libera tutti e cinque i sensi per connettersi con la natura.

"Ti senti tutt'uno con la macchina." La guida crea un profondo senso di libertà, come se la mente si fondesse con la natura. Mentre attraversa il magnifico paesaggio, Lionel vede l'immagine di uccelli selvatici che volano tranquillamente nel cielo. Si sente come se anche lui potesse volare liberamente dove desidera. "Liberté absolue (libertà assoluta)" erano le parole di Lionel per descrivere la guida della LC Convertible.

Quando Lionel è tornato a Tokyo dopo il suo viaggio, ha preparato un piatto basato sulla sua esperienza di guida. Uno degli ingredienti chiave era l'uccello selvatico che gli era venuto in mente mentre guidava attraverso gli altopiani. "Libero e selvaggio, ma grazioso ed elegante. Questa è l'immagine condivisa che avevo in mente quando ho pensato alla LC Convertible e agli uccelli selvatici", spiega Lionel. "Ciò che scopri viaggiando ti arricchisce e, nel mio caso, è spunto di riflessione come chef", afferma Lionel mentre ripensa al suo viaggio.

Cibo e automobili. All'inizio possono sembrare concetti distanti tra loro, ma Lionel spiega che ci sono delle somiglianze precise: "Mangiare e guidare sono entrambe sensazioni fisiche. Entrambi hanno bisogno di fare appello ai cinque sensi umani". Quelle parole indicano la determinazione di un uomo pronto a soddisfare gli infiniti desideri dei "sensi umani". Lionel ha concluso che "non c'è un obiettivo finale nella creazione di cose. Quindi, proprio mentre LEXUS continua ad evolversi, spero anche io di affrontare altre sfide".